Incantesimi di magia bianca d'amore

Fare chiarezza sul tipo di magia

Romanzi e pellicole cinematografiche hanno sempre dipinto la magia come qualcosa di negativo perché foriera di malefici. Chi non ha mai sentito parlare, ad esempio, del malocchio?

C’è molta confusione circa il termine magia, con la quale genericamente i più, intendono quella pratica atta ad evocare spiriti malefici magari vendendo loro la propria anima per avere, su questa dimensione terrena, potere e soldi.

Purtroppo la disinformazione a proposito di certe pratiche esoteriche alimenta l’ignoranza della gente che tende a generalizzare e a considerare in modo scorretto, la magia.

È bene dire che la magia si divide in due canali che sono: magia nera e magia bianca.

Come facilmente intuibile, la magia nera è quella che tende ad invocare forze soprannaturali che possano modificare le leggi della natura, provocando una pericolosa dissonanza con la stessa e con il fine di sconvolgere il corso degli eventi. Ecco quindi che sfruttare consapevolmente questo tipo di invocazione al soprannaturale, è cosa altamente pericolosa che non può che portare negatività.

La magia bianca, al contrario, è una pratica che sfrutta l’armonia dei fenomeni naturali e che ha come unico obiettivo, quello di perfezionare l’esistenza dell’io interiore, assicurando la coesione dello stesso con tutti gli scenari che si possono verificare nel corso della vita.

Fondamentalmente si tende a valorizzare quell’invisibile disegno animico al quale fa esplicito riferimento la teoria neoplatonica.
Appare evidente il contrasto esistente con quella magia nera che vuole dominare le entità del cosmo mentre, la magia bianca cerca di fare il percorso inverso, ossia mutare la propria condizione assoggettandola alle leggi naturali.

Questo pensiero collimava perfettamente con quel momento ricco di stimoli che fu il Rinascimento tanto da condurre questo tipo di magia positiva verso quell’alchimia protesa alla creazione della pietra filosofale non tanto per godere della ricchezza dell’oro bensì esclusivamente per sfruttare tutte le sue intrinseche proprietà.

Tempi e percentuali di successo

Dopo avertoccato minimamente la spiegazione circa la magia bianca, entriamo nel vivo del problema: ossia che riscontro di successo è possibile ottenere da un rituale di magia e in quali tempi?

Innanzitutto è bene ribadire che questi riti sono tutti indirizzati verso scopi positivi e che non intacca in modo negativo nessun essere umano.

La magia bianca si compone di riti ed incantesimi che possono annoverare precise formule che sfruttano tutti o qualcuno dei quattro elementi naturali onde veder eliminate insicurezze, malesseri dell’anima, paure ma anche vedere la nascita di un amore.

La luce è un componente fondamentale di ogni rito perché fa sparire la negatività producendo una immediata sensazione di calma, elemento cardine per ritrovare il proprio benessere.

Ogni iniziato (oggi sarebbe improprio definirlo “mago”) ha i suoi strumenti attraverso i quali produrre quegli incantesimi che ritiene opportuno eseguire per permettere la realizzazione dell’esito sperato dalla persona che si è a lui rivolta.

Una delle richieste che sono maggiormente frequenti è quella relativa agli incantesimi di amore.

Ovviamente ogni storia è a se stante e sta all’abilità del mago nell’individuare quale sia il rito più appropriato che possa far nascere un amore o ricondurre un amore perduto verso la persona lasciata.

Per quanto concerne il discorso delle tempistiche necessarie è possibile affermare che ogni situazione ha le sue dinamiche e, conseguentemente, risulta impossibile definire un tempo che sia uguale per tutti. Generalizzando, però, è possibile affermare che nei casi meno problematici, due o tre riti si rivelano sufficienti per raggiungere lo scopo prefissato. In altri casi, laddove la realtà si rivela più complessa ed il percorso più tortuoso, sono necessari più tentativi per arrivare ad ottenere un risultato positivo.

Circa le percentuali di situazioni che si sono risolte a favore di chi ha richiesto il rito d’amore, è impossibile precisare una cifra in quanto non esistono delle statistiche ufficiali.

Tuttavia è possibile affermare che tre casi su quattro hanno avuto risposte positive e, quindi, hanno trovato (o ritrovato) l’amore.

Magia fai da te? Assolutamente mai!

Da evitare in modo categorico il tentare di far da se riti magici, soprattutto se trovati in rete.

In primo luogo, senza conoscenza alcuna, preparare pozioni “magiche” potrebbe risultare molto pericoloso per la salute. In secondo luogo evocare forze invisibili delle quali non si ha alcun metro di giudizio, potrebbe scatenare qualcosa di veramente terribile dal quale risulterebbe difficile venirne fuori.

Occorre ricordarsi che la magia bianca non è uno scherzo e non bisogna sottovalutare il fatto che l’imponderabile e gli universi invisibili che ci circondano, possono provocare esiti nella nostra esistenza che non possiamo controllare.

Su internet è possibile trovare spiegazioni sul come preparare filtri d’amore e riti che assicurano successo, potere e soldi ma è bene stare lontano dal benché minimo tentativo di fare per proprio conto, cose di questo genere.

Testimonianze

Citiamo due testimonianze arrivate al sito https://www.magiabianca.info/ che possono essere illuminanti per coloro che non hanno mai provato a rivolgersi alla magia bianca.

Scrive Antonio G.:  “…quando la mia fidanzata mi ha lasciato senza spiegare la ragione di quella sua scelta, sono caduto in crisi. Non riuscivo neppure più a uscire da casa e l’unico mio pensiero era come riconquistare il suo cuore. Affranto mi ritrovavo a vedere le nostre foto che dipingevano momenti felici che avevamo vissuto. Immagini che avevo scolpite nel mio cuore e che non riuscivo a dimenticare. […]. Una zia mi parlò di rivolgermi a un mago per farmi fare un rito che avesse  lo scopo di far tornare sui suoi passi la mia fidanzata perché nuovamente innamorata di me.

Non avevo mai pensato a qualcosa del genere e, razionale come sono, neppure ci credevo tanto ma era così opprimente quel presente che stavo vivendo che, disperato, seguii il suggerimento di mia zia.
Non mi rendo conto del fatto che dopo il rito, la mia fidanzata mi telefonò chiedendomi scusa e dichiarandosi pronta a ricominciare…".

Scrive Paoletta 77 : “Grazie alla magia bianca e al rito d’amore che ho fatto eseguire, sono riuscita a trovare finalmente un uomo che si è innamorato di me non badando al mio aspetto interiore ma seguendo la mia anima. Grazie”.